L'ANM è l'associazione cui aderisce circa il 90%
dei magistrati italiani. Tutela i valori costituzionali, l'indipendenza e l'autonomia della magistratura.

21 settembre 2017

L'ANM ricorda il giudice Rosario Livatino

Un faro per tutti coloro che credono nella giustizia e nella legalità


Rosario_Livatino2017

L'Associazione Nazionale Magistrati oggi ricorda il giudice Rosario Livatino, assassinato dalla mafia il 21 settembre 1990 nell’agrigentino, a soli 37 anni.
Fu ucciso in un agguato mafioso mentre si recava senza scorta in tribunale. Aveva condotto indagini sugli interessi economici della criminalità organizzata e sull’intreccio tra mafia e affari, delineando un vero e proprio sistema della corruzione. Livatino aveva un altissimo senso dello Stato, era un uomo di fede e si faceva guidare, nel lavoro e nella vita di tutti i giorni, da ferrei principi etici.
I suoi scritti e il suo operato sono una testimonianza importante della sua continua ricerca della verità e della coerenza delle sue azioni, un faro per tutti coloro che credono nella giustizia e nella legalità.
Per questo, l'Anm, nel ventisettesimo anniversario di quel drammatico giorno, ribadisce come la figura del giudice Rosario Livatino sia centrale per la storia della magistratura e di questo Paese.



stampa
Stampa

ANM risponde

Le domande e le curiosità sul funzionamento e gli scopi dell'ANM

Poni la tua domanda


Iscriviti alla newsletter

Resta aggiornato su notizie ed eventi dell'Associazione Nazionale Magistrati